Spermiogramma

La fertilità maschile dipende da: un'adeguata produzione di spermatozoi da parte dei testicoli (spermatogenesi), dalla libera circolazione del liquido seminale nelle vie genitali maschili,  da un adeguato deposito di spermatozooi all'interno della vagina della donna.

Il liquido seminale normale è così caratterizzato:

  • volume: 2-5 ml

  • numero: 50-180 milioni di spermatozoi/ml

  • mobilità: 80% all'emissione, 60% dopo 4 ore

  • morfologia: 60-80% di forma normale

  • pH: 7.6-8.2

  • fruttosio: > 1g/l

Quando questi parametri sono alterati si hanno varie condizioni :

  • Oligospermia : diminuzione del numero degli spermatozoi totali,

  • Oligoastenospermia : diminuzione del numero e della motilità degli spermatozoi

  • Oligoastenoteratospermia : diminuzione del numero, della motilità e presenza di forme anomale degli spermatozoi

  • Azoospermia : assenza totale degli spermatozoi

Le anomalie che riguardano il deposito di sperma nella vagina sono riconducibili a: interventi chirurgici al collo della vescica o alla prostata (eiaculazione retrograda), prostatectomia (rimozione chirurgica della prostata), ipospadia, eiaculazione precoce, impotenza, anomalia anatomica dei genitali femminili

I fattori dell'infertilità maschile sono:

  • varicocele, danno a carico delle vene dei funicoli spermatici che provoca diminuzione della produzione di spermatozoi.

  • deficit ormonali : a carico dell'ipofisi con alterazione della spermatogenesi

  • infezioni : della prostata, dei testicoli (orchite), dovute a vari agenti patogeni, soprattutto quelli sessualmente trasmessi

  • immunologici , produzione di autoanticorpi

  • genetici : danno a carico dei cromosomi (microdelezione della Y), sindromi di origine genetica (sindrome di Klinefelter), fibrosi cistica.

  • ostruttivi da patologie acquisite o congenite

Quindi lo Spermiogramma:

  • E' un esame fondamentale per valutare la fertilità maschile.

  • E' utile premettere che non esiste alcun tipo di esame al mondo capace di predire al 100% se un dato liquido seminale è in grado di giungere all'ovulo e di fecondarlo.

  • Cosa è: è l'osservazione delle caratteristiche del liquido seminale, mediante l'esame di una piccola quantità di esso al microscopio.

  • Quando si fa: normalmente tra il 3° ed il 5° giorno di astinenza sessuale.

  • Perché si fa: per valutare se il numero di spermatozoi nell'eiaculato è normale (almeno 20 milioni per millilitro), se il loro movimento è adeguato (almeno il 50% dovrebbero avanzare in modo rettilineo) e se hanno una forma regolare (almeno il 50% di loro). Questi non sono criteri rigidi ma indicativi. Anche la quantità di liquido (tra 2 e 6 millilitri) e la sua viscosità sono importanti.

  • Come si fa: si raccoglie (in genere mediante masturbazione) il liquido seminale in un contenitore e si consegna al laboratorio in genere entro un'ora e senza avergli fatto subire eccessivi sbalzi di temperatura.

                                                                                             

 

                                                        Home Page